domenica 19 ottobre 2008

Finanziamenti per studenti universitari desiderosi di comprare Tablet PC

Nuovamenti operativi i finanziamenti statali che favoriscono gli studenti all'acquisto di un PC portatile o, meglio, di un Tablet PC.


Due anni fa era stato attivato dal Ministero dell'Istruzione il progetto "Un cappuccino per un PC" con cui lo Stato Italiano permetteva agli studenti universitari di acquistare un portatile attraverso un prestito, garantito dalla Stato ed erogato da soggetti finanziatori convenzionati, per un importo massimo di 1200 euro. Il prestito poteva essere rimborsato in un arco di tempo a scelta dello studente compreso tra i 12 e i 36 mesi: in media quindi un'euro al giorno, il prezzo di un cappuccino, appunto.


Per gli studenti che usufruivano dell'esonero totale o parziale delle tasse e dei contributi universitari c'era anche un contibuto governativo di 200 euro. Insomma, una cosa molto interessante che poteva permettere ad uno studente di acquistare un Tablet PC a rate pur non avendo lo stipendio fisso che viene sempre richiesto se si cerca un prestito (il che è un po' assurdo, in quanto se io avessi uno stipendio fisso non avrei bisogno dei soldi in prestito, ma vabbè).

Il progetto, bloccato nel giugno 2006, è ora tornato operativo all'interno del progetto di diffusione tecnologica ICT4University (l'odio che provo per questi burocrati che usano l'inglese anzichè l'italiano per tutto è immenso, soprattutto quando sostituiscono con un nome idiota un ottimo motto).


Il nuovo "ICT4University Diamogli Credito" serve a facilitare agli studenti l'accesso al credito necessario per sostenere le spese universitarie; una delle spese previste è quella relativa all'acquisto di un portatile (ma meglio sarebbe un Tablet PC) che risponde alle seguenti caratteristiche:

- essere nuovo di fabbrica e presente a listino (il che potrebbe essere un enorme problema con i Tablet PC HP);
- essere dotato di certificato di garanzia e di assistenza tecnica;
- essere corredato di manualistica tecnica d'uso in lingua italiana (niente importazione, quindi),
- corredato di sistema operativo in ligua italiana a scelta dello studente e di corrispondente licenza d'uso a tempo indeterminato;
- essere predisposto per il collegamento alle reti locali in modalità 802.11b e 802.11g.

Attraverso una procedura un po' elaborata e chiedendo requsiti di merito veramente infimi lo Stato garantirà quindi un prestito di massimo 1000 euro allo studente. Il prestito di 1000 euro non blocca l'acquisto di un portatile o Tablet PC di prezzo maggiore; semplicemente bisognerà tener conto del fatto che la differenza andrà data in contanti.

Potete trovare tutte le informazioni dettagliate sui siti ufficiali del progetto ICT4University e Diamogli Credito.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

racconto cosa è successo a me...

sono iscritto all'Università di Pavia, L.S., è avevo letto anche io di questi incentivi per l'acquisto di un PC portatile con scheda di rete Wireless...

ebbene, vado in banca, porto il preventivo ed ecco il bello, dovevo parire un conto corrente!!!! mi avrebbero dato i soldi su iuna carta revolving ad un tasso di interesse esagerato!!!

quindi non solo ti indebiti, ma diventi un cliente della banca..

alla fine il Tablet PC me lo sono preso in contanti, con i miei risparmi.....

quindi a me pare un modo per attirare "giovani clienti" che visto che sono a corto di fondi a causa dello studio, sono facili prede.....

non sarebbe meglio concedere agli studenti uno sconto (pagato dallo stato) per l'acquisto???

-SPACE-

Alby, Fujitsu-Siemens T4220 ha detto...

guarda io avevo fatto aderito a questa iniziativa 2 anni fa(un c@ppuccino per un pc) e l'ho trovata molto valida.
relativamente all'apertura di un conto corrente è abbastanza ovvio..come fanno ad aprirti una linea di credito senza avere un CC sul quale addebitare le rate?

inoltre mi ricordo che, se rientravi in una particolare fascia, non solo potevi ricorrere al finanziamento ma anche avere uno sconto di 200 euro.

plaudo qundi a questa iniziativa perche mi permise, senza stipendio e con paghetta familiare, di comprarmi un bel sony vaio da 1400 euro indipendentemente dai miei e pagando soli una trentina di euro mensili in 3anni (su importo finanziato di 1000euro ed un TAEG dell'8%).